Albergheria Teatro 2007-2014

aa

Dal 2007 al 2014 Teatro Atlante realizza laboratori e spettacoli nel quartiere Albergheria.
L’Albergheria è un quartiere del centro storico di Palermo, adiacente a siti di grande valore storico e culturale, ma tuttavia gravato da un forte disagio sociale. Tale disagio si manifesta in dispersione scolastica, carenza di servizi, mancanza di centri aggregativi e di promozione culturale, forte tasso di microcriminalità.
Gli spazi stessi del quartiere mostrano un evidente degrado, con i rifiuti che predominano per le strade, abitazioni cadenti o in spazi non idonei come i cosiddetti “bassi”, senza finestre né fonti di luce, se non l’ingresso principale che da direttamente sulla strada.

Girando per le strade del quartiere è facile rendersi conto come la mancanza di strutture pubbliche adeguate, non offra ai bambini altre possibilità aggregative se non quelle della strada, dove predominano diverse forme di attività illecite.

 

Scopi del progetto

Il Progetto Albergheria Teatro si propone di intervenire sul quartiere, portando ai suoi abitanti, attraverso l’arte teatrale, una maggiore consapevolezza del valore storico e culturale degli spazi e dando l’opportunità soprattutto ai giovani, di valorizzare le proprie capacità, intervenendo sul tessuto urbano della loro quotidianità.

Le attività affrontate durante il laboratorio, permettono ai singoli partecipanti di entrare in contatto prima di tutto con se stessi, scoprendo attraverso giochi ed esercizi la propria dimensione ludica e dando sfogo all’immaginazione. La relazione con gli altri, nel laboratorio, permette di abbattere le consuetudini e i comportamenti prestabiliti, scoprendo modalità comunicative nuove e alternative a quelle basate sull’aggressività e sulla competizione.

Alla conclusione del percorso di lavoro vengono realizzate attività di animazione teatrale per le strade dell’Albergheria. Quest’attività permette ai partecipanti di portare nelle strade del loro vivere quotidiano il lavoro svolto durante i mesi del laboratorio, relazionandosi quindi in maniera diversa col contesto sociale e sperimentando un modo diverso di vivere il proprio quartiere.