• ++39 366 50 10 982
  • teatroatlante@yahoo.it

Archivio dei tag teatro atlante

isolitudine

Isolitudine – Spettacolo Musicale 29 Dicembre

29 Dicembre ore 19.30
Teatro Atlante
Via Vetriera 23, Palermo

ISOLITUDINE
Spettacolo musicale

con Preziosa Salatino  – Teatro Atlante 
e il Quartetto Areasud:
>Franco Barbanera – flauti di canna, gajda e clarinetto
>Giampiero Cannata – basso e mandola
>Maurizio Cuzzocrea – voce, chitarra battente, lira, scacciapensieri e bendir
>Mario Gulisano – scacciapensieri, cajon, tamburelli, bodhran e bendir
>Collaborazione alla messa in scena: Emilio Ajovalasit
 
➡ Biglietti on-line € 9
➡ Biglietti al botteghino (la sera dello spettacolo) € 10
➡ Per partecipare al concerto sarà necessario avere la tessera Arci 2022/2023 ( €4, sarà possibile fare la tessera presso il teatro. )

info:
366 50 10 982

 

isolitudine

L’Isolitudine è quella condizione esistenziale contraddittoria che unisce senso di appartenenza e di isolamento, propria di chi è nato in un’isola.
Il termine venne coniato da uno dei più illustri scrittori siciliani, Gesualdo Bufalino, che intendeva in questo modo evidenziare l’ambivalenza di chi è nato in questa terra: “Da una parte ci sentiamo rassicurati dal mare che ci avvolge come un ventre materno, dall’altra amputati di ciò da cui siamo esclusi.” La condizione di isolamento è stata particolarmente accentuata dalla recente emergenza sanitaria, con conseguenze emotive ancora non del tutto elaborate.
Questo spettacolo parla di Isole geografiche e metaforiche.
Protagonista una bambina assai curiosa, per la quale il mondo intero coincide col perimetro di terra su cui è nata. Saranno gli incontri con altri bambini e le pazienti spiegazioni della mamma ad aprirle gli orizzonti.
Partendo da un’accurata ricerca letteraria e musicale su quanti hanno affrontato questo tema, ISOLITUDINE fonde parola e musica, vocalità e suono, creando atmosfere suggestive e variegate capaci di accompagnare lo spettatore in un viaggio onirico.
La scelta di repertori musicali, di tradizionali orale e di nuova composizione, e di suoni appartenenti alle culture mediterranee e al percorso di ricerca sonora del Quartetto Areasud, rappresenta la risposta in musica alle millenarie sollecitazioni artistiche e culturali che si concentrano nell’isola.

Il canto dello Zen – 2 Dicembre

Il Canto dello Zen
Venerdì 2 Dicembre ore 19:30  – Teatro Atlante – Palermo

Un concerto alla scoperta dell’aspetto rituale e liturgico della scuola buddista Zen, con canti cerimoniali accompagnati da musica tradizionale giapponese eseguiti da Annamaria Gyoetsu Epifanìa e Guglielmo Doryu Cappelli, monaci Zen Soto, insegnanti del Centro Zen Anshin di Roma, che introducono all’ascolto del “suono dell’Illuminazione”, accompagnati dalle performance artistiche del Duo Midare composto da Maurizio Castè (Koto) e Simona Sanzò (Shakuhachi).

Per partecipare all’evento è necessaria la tessera Arci 2022/2023.
Biglietto € 6 (soci Arci).
Biglietto + tessera Arci €10
Aquista i bliglietti qua:
 
informazioni: 366 50 10 982

il canto dello zen

Il concerto si inserisce all’interno di un progetto realizzato con il contributo dell’Unione Buddhista Italiana che vuole esplorare e fare incontrare diverse tradizioni spirituali attraverso diverse manifestazioni artistiche.

 

Il concerto è realizzato con il contributo dell’Unione Buddhista Italiana in collaborazione con il Centro Zen Anshin di Roma e il Centro Zen Anshin di Palermo.

Annamaria Gyoetsu Epifania e Guglielmo Doryu Cappelli
Annamaria Gyoetsu Epifanìa e Guglielmo Doryu Cappelli
Insegnanti di Meditazione Zen. Hanno iniziato il percorso nel Buddhismo nel 1988, sperimentando le varie tradizioni buddhiste sotto la guida di insegnanti qualificati quali, Ghesce Yesce Tobden, Corrado Pensa, Stephen and Martine Batchelor, Thích Nhất Hạnh . A partire dal 1997 si dedicano completamente alla pratica dello Zen Soto. Nel 1999 ricevono l’ordinazione monastica nella Scuola Zen Soto presso il Tempio Zen de La Gendronniere, in Francia.
Nel 2006 fondano il Centro Zen Anshin, attualmente membro dell’Unione Buddhista Italiana.
All’inizio del 2010 diventano discepoli del Maestro Shohaku Okumura, abate del Tempio Sanshinji a Bloomington. Indiana, USA, col quale completano la formazione monastica ricevendo da lui la Trasmissione del Dharma Sono insegnanti autorizzati dalla Soto Shu Sumucho, l’organismo amministrativo dello Zen Soto internazionale. Dal 2016 Doryu ha la qualifica di Kokusai fukyoshi: Insegnante dedicato alla diffusione degli insegnamenti del Buddhismo Zen Soto fuori del Giappone.
Particolarmente attivi nel dialogo interreligioso, collaborano con l’Ufficio Nazionale per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della Conferenza Episcopale Italiana nell’ambito del dialogo cristiano-buddhista, con il D.I.M. (Dialogo Interreligioso Monastico), e con la Fondazione Astalli per l’educazione alla diversità religiosa nelle scuole medie e superiori.
Sono stati entrambe danzatori professionisti, e oggi sono insegnanti di Danza Creativa – Danzaterapia, Tai Chi – Qi Gong e coreografi impegnati nell’integrare l’arte della danza, la riscoperta del corpo e gli insegnamenti del Buddha, in una via di consapevolezza e ascolto di corpomente- spirito.
Per maggiori informazioni: https://anshin.it/ 
 
il canto dello zen
 
Il Duo Midare è un Duo di musica tradizionale classica e popolare giapponese, formato da Maurizio Castè (Koto e Shamisen) e Simona Sanzò (Shakuhachi e Shinobue).
Dopo aver collaborato per alcuni anni con il gruppo di percussioni giapponesi Taiko-do, guidato da Rita Superbi, approfondendo la tecnica dei tamburi, decidono insieme di intraprendere lo studio di strumenti a corde e a fiato, specializzandosi in particolare nel Koto e nello Shakuhachi, dando vita così al Duo Midare.

Maurizio Castè è allievo della Koto Grandmaster Reiko Obata e nel 2017 ha conseguito il diploma di Assistente (Associate Degree with Honors) presso l’Obata International School di San Diego, e nel 2019 la licenza di Koto Teacher (I Level). Nel 2018 ha partecipato al Masterclass tenuto da M° Mizuka Onishi.

Simona Sanzò è allieva del Maestro Fiore Sei Chiku De Mattia (SainteÉcole, Paris), specializzato nell’interpretazione degli onkyoku (brani sacri per shakuhachi della tradizione buddista giapponese). Ha partecipato a corsi di perfezionamento con il M° Marco Lienhard e il M° Teruo Furuya.
 
 
 
 
 
 

Cecità e Visione 5-6 Novembre Sala Perriera, Palermo

Sabato 5 Novembre ore 21:00
Domenica 6 Novembre ore 19:30

 
CECITA’ E VISIONE
di Emilio Ajovalasit e Preziosa Salatino 

presso SALA PERRIERA (Cantieri Culturali della Zisa ) – via paolo Gilli 4 Palermo  

Ingresso libero con contributo volontario. 

CECITA’ E VISIONE è il percorso di ricerca che si è svolto presso il Teatro Atlante nell’ambito del progetto triennale “ATTORI SI NASCE MA SI DIVENTA” diretto da ICRA PROJECT (Napoli) e finanziato dal Ministero per i Beni Culturali.  

Nove attori e attrici si sono confrontati sui alcuni grandi temi del teatro greco che ancora oggi offrono stimoli e interrogativi. Il rapporto fra luce e buio, vista e visione, cecità e profezia. Personaggi tragici come Edipo, Tiresia, Cassandra sono stati riletti e contaminati dalla letteratura contemporanea. 

Con:
Costantino Buttitta
Martina Cassenti
Margherita Celestino
Chiara Chiurazzi
Martina Consolo
Renato Fontanarosa
Miriam Palumbo
Viola Provenzano
Beatrice Raccanello

Info: 3665010982
 
 

Palermo Corsara – Performance in cuffia al Porticciolo della Bandita – 22 Ottobre

SABATO 22 Ottobre ore 17.45

Porticciolo della Bandita – Palermo – mappa
 
Preziosa Salatino – voce narrante
Francesco Faraci – foto e video
Soad Ibrahim – danza
 
Ideazione e direzione artistica – Emilio Ajovalasit

 
con la collaborazione di: Marco Abbate, Elisabetta Carullo, Anna Di Giandomenico, Silvia Fontana, Adriana La Porta, Domenico Lo Cricchio e tutti gli abitanti della Bandita.

Con il contributo del Comune di Palermo – fondi FUS spettacolo dal vivo.
 
 
Palermo Corsara è un’innovativa sperimentazione multidisciplinare che permette agli spettatori di vivere e riscoprire uno dei luoghi più suggestivi e dimenticati di Palermo: la spiaggia e il porticciolo della Bandita nel quartiere Roccella / Acqua dei Corsari.

Molte le testimonianze e le leggende su questo luogo, a partire nome del quartiere legato alle figure dei corsari che in queste spiagge trovarono riparo.
Vedutisti e paesaggisti come Francesco Lo Jacono immortalarono nelle loro tele la bellezza di questi territori che fino agli inizi del secolo scorso vantavano importanti stabilimenti balneari, finchè negli anni ’60, durante il cosiddetto “Sacco di Palermo”, tutta la zona si trasformò in discarica abusiva.

Il nostro progetto prende spunto dalle testimonianze dirette degli abitanti della zona.
 L’iniziativa si svolgerà utilizzando la tecnologia delle cuffie wireless ad alta definizione Silent System: suoni, musiche, poesie e le voci dei protagonisti per un’immersione sonora di altissima qualità tecnica.

Il pubblico sarà libero di esplorare autonomamente lo spazio, guidato dalla voce narrante.
A fare da scenografia ci saranno le immagini fotografiche e i video di Francesco Faraci, che da molti anni col suo lavoro documenta la vita di questa borgata e dei suoi abitanti, soprattutto pescatori e bambini.

Soad Ibrahim offrirà un momento di danza nella suggestiva luce del crepuscolo: una contaminazione di linguaggi artistici e una sinergia fra attori culturali e territorio, per un’esperienza tutta da vivere!

 
 

𝗜𝗦𝗢𝗟𝗜𝗧𝗨𝗗𝗜𝗡𝗘
Racconto della Sicilia tra teatro e musica

Catania – Castello Ursino
Martedì 11 ottobre h 21:00

𝗣𝗿𝗲𝘇𝗶𝗼𝘀𝗮 𝗦𝗮𝗹𝗮𝘁𝗶𝗻𝗼 – 𝘢𝘵𝘵𝘳𝘪𝘤𝘦 e il 𝗤𝘂𝗮𝗿𝘁𝗲𝘁𝘁𝗼 𝗔𝗿𝗲𝗮𝗦𝘂𝗱:
𝗙𝗿𝗮𝗻𝗰𝗼 𝗕𝗮𝗿𝗯𝗮𝗻𝗲𝗿𝗮 – 𝘧𝘭𝘢𝘶𝘵𝘪 𝘥𝘪 𝘤𝘢𝘯𝘯𝘢, 𝘨𝘢𝘫𝘥𝘢 𝘦 𝘤𝘭𝘢𝘳𝘪𝘯𝘦𝘵𝘵𝘰;
𝗚𝗶𝗮𝗺𝗽𝗶𝗲𝗿𝗼 𝗖𝗮𝗻𝗻𝗮𝘁𝗮 – 𝘣𝘢𝘴𝘴𝘰 𝘦 𝘮𝘢𝘯𝘥𝘰𝘭𝘢;
𝗠𝗮𝘂𝗿𝗶𝘇𝗶𝗼 𝗖𝘂𝘇𝘇𝗼𝗰𝗿𝗲𝗮 – 𝘷𝘰𝘤𝘦, 𝘤𝘩𝘪𝘵𝘢𝘳𝘳𝘢 𝘣𝘢𝘵𝘵𝘦𝘯𝘵𝘦, 𝘭𝘪𝘳𝘢, 𝘴𝘤𝘢𝘤𝘤𝘪𝘢𝘱𝘦𝘯𝘴𝘪𝘦𝘳𝘪 𝘦 𝘣𝘦𝘯𝘥𝘪𝘳;
𝗠𝗮𝗿𝗶𝗼 𝗚𝘂𝗹𝗶𝘀𝗮𝗻𝗼 – 𝘴𝘤𝘢𝘤𝘤𝘪𝘢𝘱𝘦𝘯𝘴𝘪𝘦𝘳𝘪, 𝘤𝘢𝘫𝘰𝘯, 𝘵𝘢𝘮𝘣𝘶𝘳𝘦𝘭𝘭𝘪, 𝘣𝘰𝘥𝘩𝘳𝘢𝘯 𝘦 𝘣𝘦𝘯𝘥𝘪𝘳.
Collaborazione alla messa in scena: 𝗘𝗺𝗶𝗹𝗶𝗼 𝗔𝗷𝗼𝘃𝗮𝗹𝗮𝘀𝗶𝘁
 
L’𝗜𝘀𝗼𝗹𝗶𝘁𝘂𝗱𝗶𝗻𝗲 è quella condizione esistenziale contraddittoria che unisce senso di appartenenza e di isolamento, propria di chi è nato in un’isola.
Il termine venne coniato da uno dei più illustri scrittori siciliani, 𝘎𝘦𝘴𝘶𝘢𝘭𝘥𝘰 𝘉𝘶𝘧𝘢𝘭𝘪𝘯𝘰, che intendeva in questo modo evidenziare l’ambivalenza di chi è nato in questa terra: “Da una parte ci sentiamo rassicurati dal mare che ci avvolge come un ventre materno, dall’altra amputati di ciò da cui siamo esclusi.” La condizione di isolamento è stata particolarmente accentuata dalla recente emergenza sanitaria, con conseguenze emotive ancora non del tutto elaborate.
Questo spettacolo parla di Isole geografiche e metaforiche.
Protagonista una bambina assai curiosa, per la quale il mondo intero coincide col perimetro di terra su cui è nata. Saranno gli incontri con altri bambini e le pazienti spiegazioni della mamma ad aprirle gli orizzonti.
Partendo da un’accurata ricerca letteraria e musicale su quanti hanno affrontato questo tema, 𝗜𝗦𝗢𝗟𝗜𝗧𝗨𝗗𝗜𝗡𝗘 fonde parola e musica, vocalità e suono, creando atmosfere suggestive e variegate capaci di accompagnare lo spettatore in un viaggio onirico.
La scelta di repertori musicali, di tradizionali orale e di nuova composizione, e di suoni appartenenti alle culture mediterranee e al percorso di ricerca sonora del Quartetto Areasud, rappresenta la risposta in musica alle millenarie sollecitazioni artistiche e culturali che si concentrano nell’isola

 

Isolitudine teatro atlante

ISOLITUDINE Spettacolo Musicale – Mercoledì 12 ottobre – Plazzo Bemonte Riso – Palermo

Mercoledì 11 Ottobre ore 21:00
 
con Preziosa Salatino (Teatro Atlante – Palermo)
e il Quartetto Areasud:

Franco Barbanera – flauti di canna, gajda e clarinetto
Giampiero Cannata – basso e mandola
Maurizio Cuzzocrea – voce, chitarra battente, lira, scacciapensieri e bendir
Mario Gulisano – scacciapensieri, cajon, tamburelli, bodhran e bendir

Collaborazione alla messa in scena: Emilio Ajovalasit
 
 
L’Isolitudine è quella condizione esistenziale contraddittoria che unisce senso di appartenenza e di isolamento, propria di chi è nato in un’isola.
Il termine venne coniato da uno dei più illustri scrittori siciliani, Gesualdo Bufalino, che intendeva in questo modo evidenziare l’ambivalenza di chi è nato in questa terra: “Da una parte ci sentiamo rassicurati dal mare che ci avvolge come un ventre materno, dall’altra amputati di ciò da cui siamo esclusi.” La condizione di isolamento è stata particolarmente accentuata dalla recente emergenza sanitaria, con conseguenze emotive ancora non del tutto elaborate.

Questo spettacolo parla di Isole geografiche e metaforiche.
Protagonista una bambina assai curiosa, per la quale il mondo intero coincide col perimetro di terra su cui è nata. Saranno gli incontri con altri bambini e le pazienti spiegazioni della mamma ad aprirle gli orizzonti.

Partendo da un’accurata ricerca letteraria e musicale su quanti hanno affrontato questo tema, ISOLITUDINE fonde parola e musica, vocalità e suono, creando atmosfere suggestive e variegate capaci di accompagnare lo spettatore in un viaggio onirico.

La scelta di repertori musicali, di tradizionali orale e di nuova composizione, e di suoni appartenenti alle culture mediterranee e al percorso di ricerca sonora del Quartetto Areasud, rappresenta la risposta in musica alle millenarie sollecitazioni artistiche e culturali che si concentrano nell’isola.

 INGRESSO LIBERO fino a esaurimento posti
 
Con il sostegno dell’Assessorato ai Beni Culturali e all’identità siciliana

Le Occasioni – 13 Giugno Cantieri Culturali alla Zisa

 Il Teatro Atlante presenta “Le Occasioni – Un Esperienza di Teatro Silente” ai Cantieri Culturali della Zisa in via Paolo Gilli 4 a Palermo con un doppio appuntamento!

domenica 13 GiugnoCantieri Culturali alla Zisa – Palermo
Inizio spettacolo presso il Circolo Arci Tavola Tonda


 ore 18:00 Prenota
ore 20:00 Prenota

I biglietti sono disponibili online su Oooh.events 
Tipologia: Posti in piedi

Costo € 12,86
Posti limitati!

Per maggiori informazioni : 366 50 10 982

Cos’è “Le Occasioni”?
Uno spettacolo che unisce tradizione e innovazione: la millenaria magia del teatro e del racconto incontra le nuove tecnologie per offrire agli spettatori un’esperienza al contempo intima e comunitaria.

Teatro Atlante Le Occasioni

Come funziona?
Ogni spettatore verrà dotato di cuffie wireless ad alta definizione per isolarsi acusticamente dal mondo esterno e immergersi in un paesaggio sonoro arricchito dalla presenza fisica degli attori. Sarà come partire per un viaggio immaginario, individuale e di gruppo: i partecipanti attraverseranno i viali dei Cantieri Culturali della Zisa guidati dalle voci degli attori.

Le occasioni Teatro Atlante

Lo spettacolo
Le Occasioni si ispira ad un’antica leggenda armena e racconta di un uomo che parte per cercare ricchezza e felicità. Gli è giunta voce che in un’ isola lontana abiti un saggio dotato di poteri sovrannaturali a cui chiedere consigli e aiuto. Lungo la strada incontra altri personaggi, ognuno con le proprie storie e desideri: il viaggio pian piano diventa un percorso di formazione e consapevolezza, ma non per tutti.
“Le Occasioni” è un invito ad aprire gli occhi del cuore, a saper cogliere i segni del presente per scovare piccoli e grandi tesori.

Tutto in sicurezza
In linea con le attuali restrizioni per il contrasto alla diffusione del Covid-19, la performance si svolgerà in modo da garantire il corretto distanziamento fra il pubblico.
Grazie all’innovativa tecnologia delle cuffie silent, il Teatro Atlante propone una performance fruibile in totale sicurezza senza però rinunciare alla relazione fra attori e pubblico, prerogativa indispensabile di ogni spettacolo dal vivo.

le occasioni teatro atlante

Regia: Emilio Ajovalasit;
Drammaturgia: Emilio Ajovalasit, Preziosa Salatino;
Voci narranti: Preziosa Salatino, Sergio Saporito, Federica Castelli, Aurelia Alonge Profeta;
Attori: Preziosa Salatino, Federica Castelli, Aurelia Alonge Profeta;
Paesaggi sonori: Guido Acquaviva;
Scenografie e costumi:  Chiara Cavasio;

Domenica 13 giugno
 ore 18:00
ore 20:00

Cantieri Culturali della Zisa in via Paolo Gilli 4 – MAPPA
Inizio spettacolo presso il Cricolo Arci Tavolatonda

I biglietti sono disponibili online 
Costo € 12,86
Tipologia: Posti in piedi.


Informazioni 366 50 10 982 
366 50 10 982

 

 


Per rimanere sempre aggiornati sulle nostre attività vi ricordiamo che è possibile iscriversi alla nostra newsletter

 

rEsistiamo

Gentili spettatori, sostenitori, amici

in questo momento che vede le nostre attività sospese, vi comunichiamo alcune iniziative che potrete seguire nell’unico modo possibile, on line!

Sabato 21 alle 17:00 – in occasione della Giornata Mondiale della Poesia– il nostro consueto appuntamento “Poesie Gratis” si svolgerà in una modalità alternativa tramite la piattaforma Messenger Facebook, di seguito tutti i dettagli.

Domenica 22 alle 17:00 sarà possibile seguire una nostra diretta sulla radio on-line “Comunitaria”, tema dell’incontro sarà Il Tempo.

In calce l troverete il link al nostro video “Danza a Distanza”, tema del video è la comunicazione “a un metro di distanza” in questo momento di necessario isolamento sociale.

 

Sabato 21 dalle 17:00 alle 18:00

Poesie Gratis #7 (Versione sperimentale a distanza)

Ognuno a casa propria.

Sabato 21 marzo, giornata mondiale della Poesia, con un rito che si ripete da ben 7 anni, la folta comunità del Teatro Atlante si sarebbe nuovamente riunita davanti al Teatro Massimo per fermare ignoti passanti e regalare poesie one-to-one, occhi negli occhi, a distanza di in-sicurezza.

Sarà la prima cosa che faremo, appena l’emergenza sarà passata.
Nel frattempo, per onorare il rito, abbiamo pensato a questa formula:
Il 21 marzo pubblicheremo nell’evento facebook e sulla pagina del Teatro Atlante un elenco di contatti facebook con i poeti che ognuno di noi ha scelto per questa edizione. Dalle ore 17 alle ore 18 avrete la possibilità di fare una o più videochiamate tramite la piattaforma Messenger in base alla poesia che vorrete ascoltare.
La comunità del Teatro Atlante, ognuno da casa propria, farà del suo meglio per “guardarvi negli occhi” e regalarvi come sempre un minuto di bellezza e di relazione esclusiva. 

Per partecipare all’evento è necessario avere un account nella piattaforma Messenger di Facebook, informazioni a questo link.

Evento facebook: https://www.facebook.com/events/519336932301636/

Domenica 22  alle 17:00
Diretta del Teatro Atlante alla Radio Comunitaria

Interventi, brani musicali e testi sul tema del Tempo.

Ecco il link: https://www.radio-comunitaria.org/

Danza a Distanza

Nei giorni scorsi, quando era ancora possibile, ci siamo riuniti e interrogati su come si potesse, col teatro, creare relazione “a un metro di distanza”. Questo video ci è sembrato una risposta.
Riprese Alessandro Sciortino e Guido Berimbau Acquaviva, montaggio Alessandro Sciortino.

Ouminicch’ di Rosario Palazzolo

Venerdi 29, Sabato 30 Novembre ore 21:00  
Domenica 1 Dicembre ore 19:00

 

Ouminicch’

testo e regia di Rosario Palazzolo

con Salvatore Nocera e Rosario Palazzolo
musica di Francesco Di Fiore
scene di Luca Mannino
assistente alla regia Angelo Grasso
produzione ACTI, Torino

A quelli che non sanno spalancare le porte, scardinarle e abbatterle.
A quelli che non hanno mai avuto una porta da spalancare, da scardinare, da abbattere.
A quelli che non sanno cos’è una porta.

Due uomini, una bara. E una decisione da prendere: chi vive, chi muore. Si può riassumere così lo spettacolo Ouminicch’. Trentasetti e Trentaquattru non hanno scampo, sin dal principio, costretti come sono a giocarsi il tutto per tutto. Due uomini che sanno di morire e che per questo si affidano ad una spiritualità fatta di santini, di segni rivelatori che non rivelano, che restano silenziosi come una coscienza collettiva. È una storia che ha la pretesa di farsi metafora comune di un luogo, il nostro, che ha smesso di appartenerci, che è divenuto di colpo un altro luogo, non più nostro. Perché è una specie di bivio, Ouminicch’, con nessuna uscita. Il tutto, in un registro drammaturgico intriso di silenzi estenuanti e guizzi improvvisi, una lingua secca, carica d’umor nero, mista a un dialetto, quello palermitano, che gioca con la sintassi.»

Teatro Atlante  – via della Vetriera 23 Palermo  – MAPPA

Ingresso 10 € (soci Arci) / 12 € (nuovi soci)/ 8 € (soci under 25 )
Prenotazioni 366 50 10 982

A questo link le informazioni sulla nostra rassegna.

La Guida

22 -23 Novembre ore 21:00
24 Novembre ore 19:00

LA GUIDA

di e con Emilio Ajovalsit
Scene Chiara Cavasio, Gabriele Genova
Assistenti alla Regia Federica Castelli, Sergio Saporito
Musiche originali Luca Cumbo
Consulenza alla drammaturgia Giuseppe Ippolito

Produzione Teatro Atlante

in collaborazione con il Centro Zen Anshin – Roma

Una Guida è qualcuno che conosce la strada.
Qualcuno che ti aiuta ad orientarti, che ti mette nella giusta direzione.
Una Guida è qualcuno da seguire, per non perdersi.
Una guida è qualcuno che, in una situazione di pericolo, può salvarti la vita.

La necessità di attraversare il deserto è l’occasione di un incontro fra un ragazzo e Musa, un uomo che vive da solo in un oasi. L’oasi è un rifugio, un punto di passaggio per i molti viaggiatori che attraversano il deserto, in fuga da fame e guerre. Musa sarà la guida che li aiuterà a compiere il viaggio. La relazione umana e l’obiettivo di riuscire a sopravvivere in un ambiente ostile sono uno stimolo per ricevere insegnamenti che vanno al di la delle semplici indicazioni pratiche. Una storia di formazione che aiuta a riflettere e interrogarsi sull’importanza della solidarietà nei rapporti umani. Chi è Musa? Qual è la sua storia? E perché assume su di se un ruolo così fondamentale, quello di aiutare i viaggiatori salvando vite umane?
Lo spettacolo nasce da una ricerca sulle storie presenti all’interno della tradizione buddhista e in particolare della tradizione Zen, le storie sono spesso veicolo di insegnamenti e strumento per risvegliare qualità fondamentali come la compassione verso tutti gli esseri e il rispetto per l’ambiente che li ospita.

Teatro Atlante  – via della Vetriera 23 Palermo  – MAPPA
Ingresso libero
Prenotazioni 366 50 10 982

21 – 25 Novembre repliche mattutine per le scuole superiori.

A questo link le informazioni sulla nostra rassegna.

WONDERLAND- Domenica 21 Ottobre al Ballarò Buskers Festival

WONDERLAND- Meraviglie Urbane

Spettacolo di strada
liberamente ispirato a “Alice nel Paese delle Meraviglie”


regia Emilio Ajovalasit

con la PICCOLA COMPAGNIA SILENTE:
Aurelia Alonge Profeta, Federica Castelli, Annamaria Davì, Giuseppe Di Vincenzo, Giovanni Ferrara, Roberta Greco, Domenico Mereu, Chiara Zaffiro

Scenografie realizzate dagli studenti del Liceo Artistico Kiyohara – Palermo.

foto: Dorotea Zanca 

 

In occasione de Ballarò Buskers Festival
Domenica 21 Ottobre h 17:45

P.zza Brunaccini (alle spalle della chiesa di Casa Professa) – Palermo .

 

In “Alice nel paese delle meraviglie” è la protagonista a perdersi per caso in un mondo fantastico, dove tutte le regole del quotidiano sembrano invertite. Incontra infatti gatti parlanti, eserciti di
carte da gioco, bruchi, lepri e conigli che popolano un paese decisamente fuori dall’ordinario.
L’idea di questo spettacolo è quella di portare quel mondo, con la sua meraviglia, in contesti urbani
o, semplicemente, in qualsiasi luogo ci siano persone da sorprendere e incantare.
I personaggi del testo di Carrol irrompono sulla scena che non è un palcoscenico, portano fra la gente la loro lucida follia, fatta di indovinelli, filastrocche, canzoni, inseguimenti e poesia. Wonderland utilizza il teatro, la musica dal vivo, il contatto col pubblico, i colori dei costumi e delle scenografie, per portare la meraviglia di un mondo fantastico nel mondo ordinario, per aiutare a
guardarlo, almeno per un momento, da una prospettiva diversa.

Bene bravi bis

Bene, Bravi, Bis! Spettacolo Musicale – Sabato 2 e Domenica 3 Dicembre

Bene, Bravi, Bis!  – Spettacolo Musicale

Sabato 2 Domenica 3 Dicembre ore 19:00

Teatro Atlante p.zza Croce dei Vespri 8.

in collaborazione con La Bottega delle Percussioni

PREZIOSA SALATINO: voce narrante
SALVO COMPAGNO: tamburi, steel drum, udu, piatti, giocattoli
FABIO PASSIGLIA: sax soprano, accordina, armonica cromatica
DANIELE SCHIMMENTI: santur, hang drum, saz, banjo indiano, autoharpegia

 

 

bene, bravi, bis Un incontro fra l’ arte della Parola e il linguaggio della Musica.
Racconti, poesie e storie distanti per nazionalità e stile, così come le musiche, eseguite con strumenti provenienti da varie parti del mondo, che li accompagnano. Il filo conduttore dello spettacolo, un po’ per gioco, un po’ per scelta, è la lettera B.
Buenos Aires, Borges, Buzzati, Beatles, Barbera, Benni, Brecht… “Bene, Bravi, Bis”!
Amore, guerra, avventura, mistero, ironia e follia sono i temi,gli umori, le emozioni contenute nelle narrazioni scelte e nelle musiche create per supportarle. 

Ingresso soci Arci: 8€, under 25 6€
nuovi soci: 10€ inclusa tessera

info e prenotazioni 3665010982

“Se i muri potessero Parlare” prosegue la residenza.

“Di Muro in Muro” prosegue la residenza teatrale con Antas Teatro. 

“Se i muri potessero parlare…”
Continua la residenza teatrale di Teatro Atlante a San Sperate (Cagliari) ospiti della compagnia Antas Teatro.

dopo la felice conclusione del progetto “I Classici in Strada” a Palermo, continuiamo a portare avanti la nostra attività di valorizzazione dei territori attraverso il teatro, questa volta lontani da “casa” ed in compagnia di artisti eccezionali con una decennale esperienza nel  paese-museo di San Sperate.

Ad animare i murales che animano il paese Emilio Ajovalasit, Preziosa Salatino, Giulio Votta, e i membri della Piccola Compagnia Silente: Federica Castelli e Domenico Mereu.

 

Sete – Rassegna Schegge di Utopia San Sperate – Cagliari

24 Marzo 2017 – ore 21:00
Spazio Antas, San Sperate
Schegge di Utopia 2017 – Antas Teatro

 

SETE 
Regia di Emilio Ajovalasit.
Con Giulio Votta
Produzione Teatro Atlante

Lo spettacolo affronta il tema della giustizia e della colpa partendo dalla figura di Leonardo Vitale, primo pentito di mafia per motivi di coscienza.

Leonardo Vitale, uomo d’onore della famiglia Altarello di Baida, nel 1973 si presenta spontaneamente alla questura di Palermo e svela tutto ciò che sa su Cosa Nostra. Si accusa anche di gravi delitti, tra cui alcuni omicidi. Mentre parla i suoi occhi sembrano vedere solo il crocifisso appeso alla parete.
Leonardo confessa tutto, vuole espiare, rinnega la fede mafiosa e si rifugia nella fede in Dio. Crede nella giustizia divina e confessa alla giustizia terrena.

Teatro e promozione della Salute

TEATRO E PROMOZIONE DELLA SALUTE
Seminari, workshop, spettacoli

Sabato 4 e Domenica 5 Febbraio 2017

Piccolo Teatro Patafisico
alle Comunità Urbane Solidali
pad.33 Ex manicomio, Via La Loggia 5

PROGRAMMA:

Sabato 4 febbraio

ore 10.00- 13.00
“Sviluppare la Resilienza: l’importanza dell’ espressione artistica”
(seminario esperienziale a cura di Appi, Accademia Palermitana di Psicologia Integrata)
ore 15.00-18.00
“La parola che nutre : efficacia comunicativa, narrazione delle emozioni, scrittura”
(seminario esperienziale a cura di Appi, Accademia Palermitana di Psicologia Integrata
Ore 19.00
Spettacolo “Psicosi: diario di un’anima” di e con Preziosa Salatino e Sabrina Vicari
produzione Teatro Atlante

Contributo per l’intera giornata: 35 € – singolo workshop: 20€- solo spettacolo 8 €

Domenica 5 febbraio

Ore 11- 13.30
Il Gioco serio del Teatro: il linguaggio non verbale
Laboratorio esperienziale per adulti e bambini a cura di Teatro Atlante (contributo : adulto + bambino 15€, solo adulto 10€)
Ore 16.30- 18.00
“Vita da Clown” performance interattiva a cura dell’associazione VIP (contributo 5€)
Tavola rotonda di chiusura dei lavori
Ore 19.00
Spettacolo: Rosetta Malaspina, ovvero da un punto dell’eternità, di e con Margherita Di Marco Regia Vincenzo Mercurio, Produzione: Compagnia dei Merli Bianchi & Teatro Proskenion
(Contributo 8€)

OFFERTA TRE SPETTACOLI: 15€

ISCRIZIONI ENTRO il 1 FEBBRAIO

Info e iscrizioni: 3665010982, teatroatlante@yahoo.it

Pietà per i Giusti 20-22 Gennaio

Venerdi 20 Gennaio ore 21.15
 Sabato 21 e Domenica 22 ore 19
Teatro Atlante, p.zza Croce dei Vespri 8
PIETA’ PER I GIUSTI
(liberamente ispirato a “I Giusti” di A. Camus)

Con: Domenico Mereu, Federica Castelli, Chiara Zaffiro
Regia : Preziosa Salatino
Produzione: Teatro Atlante

Yanek, Dora e Stepan sono tre terroristi del Gruppo d’Assalto Rivoluzionario. Il loro obiettivo è spodestare il tiranno e restituire la libertà al popolo oppresso. Hanno messo le loro vite al servizio dell’Idea. Sognano un mondo migliore, fatto di libertà, giustizia, eguaglianza sociale. Ma per raggiungere il loro scopo hanno un solo strumento: la bomba.
Negli appassionanti dialoghi fra i tre personaggi, emergono progressivamente tutte le contraddizioni che intercorrono fra Idea e Azione, il rapporto fra il mezzo e il fine, e le domande sul senso della vita e della morte con cui l’esistenzialista Camus interroga lo spettatore senza fornirgli una risposta univoca.
Un testo di scottante attualità, poco conosciuto e poco rappresentato, portato in scena con entusiasmo e passione da tre giovanissimi attori.

Teatro Atlante, p.zza Croce dei Vespri 8

contributo soci Arci : 8€ intero, 6€ ridotto
Nuovi soci: 10€ (tessera annuale 2017+ biglietto)

Venerdi 20 Gennaio ore 21.15

 Sabato 21 e Domenica 22 ore 19


Info e prenotazioni: 3665010982
teatroatlante@yahoo.it

 

 

Bene Bravi Bis – Venerdì 13 Gennaio alla Bottega delle Percussioni

Bene Bravi Bis – Venerdì 13 Gennaio h 21:30

Bottega delle Percussioni –  Cortile del fosso 7 (via Lincon) Palermo

Di e con Preziosa Salatino, Daniele Schimmenti e Salvo Compagno.
Con la partecipazione di Fabio Passiglia ai fiati

Cosa hanno in comune Buzzati, Borges, Brecht e i Beatles?
Venite a scoprirlo!

Contributo non tesserati alla Bottega delle percussioni 5 €
Contributo tesserati alla Bottega delle percussioni 3 €

Contatti
Segreteria: 388 0558294 – 091 6166707
Web: info@labottegadellepercussioni.it – www.labottegadellepercussioni.it

1